"I Dossier di nailpro.it
ogni mese, per tutto il mese, una raccolta di
articoli focalizzati su un tema particolare

Dalla Base al Top

Dalla Base al Top

Base coat e top coat: una manicure non può dirsi professionale se non sono presenti questi due prodotti, importanti tanto quanto lo smalto in sé. 

NON CHIAMATELI EXTRA: BASE COAT E TOP COAT SONO PARTE INTEGRANTE DEL SERVIZIO E IL LORO USO NON È FACOLTATIVO, MA OBBLIGATORIO. È grazie a loro se lo smalto può dare il meglio di sé in termini di intensità del colore, brillantezza e durata: rinunciare a questi due prodotti significa offrire alle clienti un servizio approssimativo e per nulla professionale. Ripassiamo insieme le loro mille utilità e scopriamo qualche trucco per utilizzarli al meglio.

Alla Base di Tutto
Perché è così importante stendere il base coat prima dello smalto? Come dice il nome, questo prodotto ci permette di creare una “base” per il colore, rendendo la stesura più omogenea e stabile e facendo aderire meglio lo smalto. Il base coat ha anche un’altra proprietà importantissima: protegge l’unghia naturale dai pigmenti degli smalti colorati. Grazie a formulazioni sempre più avanzate, inoltre, i base coat sono diventati in alcuni casi dei veri e propri trattamenti curativi per l’unghia, con proprietà nutrienti e ristrutturanti capaci di rimettere in sesto anche la lamina più dannaggiata.

La qualità di un base coat dipende dalla sua formula, che in genere contiene tre ingredienti fissi: film-former (“forma-pellicola”), resine e plasticizzanti. La nitrocellulosa è il più comune film-former: la durezza e la resistenza del base coat dipendono dalla quantità e dal tipo di nitrocellulosa utilizzata. Le resine sono la “colla” del base coat e, oltre a promuovere l’adesione dello smalto, contribuiscono a livellare la lamina. In aggiunta a questi ingredienti, molti produttori inseriscono sostanze benefiche per l’unghia come vitamine, proteine, calcio o altri minerali. Il base coat, dopotutto, è l’intermediario tra l’unghia naturale e lo smalto: una posizione perfetta per provvedere al nutrimento dell’unghia.

In termini di stesura, l’accortezza principale da rispettare è applicare la giusta quantità di prodotto: lo strato di base coat deve essere sufficiente a garantire la perfetta adesione dello smalto, ma deve rimanere comunque molto sottile e non soffocare le cuticole. Affinché lo smalto aderisca perfettamente alla base, inoltre, quest’ultima deve a sua volta aderire perfettamente alla lamina ungueale. Per un’adesione ottimale è importante che l’unghia sia stata adeguatamente pulita e preparata: assicurati di rimuovere qualsiasi residuo di pelle o cuticola dall’unghia prima di applicare il base coat; in caso contrario, la stesura del colore sarà imperfetta e tutto il lavoro compromesso.

Una Solida Barriera
I BASE COAT SONO FORMULATI IN MODO DA GARANTIRE CHE LA MANICURE DURI IL PIÙ A LUNGO POSSIBILE.
Lavorando come una barriera, preservano l’unghia da rotture e peeling, preservando così anche la tenuta dello smalto.
C’è però un aspetto ancora più importante: il base coat è una barriera che separa la superficie dell’unghia dal colore e, così facendo, la protegge. L’unghia è rigida e forte, ma sostanzialmente porosa, proprio come i capelli: se lo smalto viene steso direttamente sulla lamina, questa assorbe immediatamente i pigmenti colorati. Il risultato, una volta rimosso lo smalto, sarà un’unghia ingiallita o macchiata: il rosso, ad esempio, lascerà un alone giallo-arancione sull’unghia naturale, il blu un alone verdognolo. Nessun solvente è in grado di pulire queste macchie una volta che sono penetrate nei pori della lamina; grazie al film protettivo del base coat, invece, si possono indossare tranquillamente tutti i colori dell’arcobaleno.

Unghie al Top
Spesso le tue clienti non se ne rendono conto, ma il top coat è il prodotto che più di ogni altro rende la loro manicure così bella da indossare e da guardare. Una semplice passata di top coat sopra lo smalto rinforza l’unghia, allunga la vita al colore e crea un finish brillante: è, insomma, la ciliegina sulla torta del servizio. L’onicotecnica non dovrebbe mai saltare questo step: basta un gesto semplice e veloce per sigillare il colore e prevenire graffi e sbeccature.

Le aziende producono ormai top coat per ogni unghia e per ogni esigenza: tra i più popolari, quelli con filtro UV integrato. Questi top coat creano sull’unghia una barriera che non lascia filtrare i raggi solari, facendo sì che gli smalti chiari non ingialliscano e che quelli scuri non sbiadiscano. Oltre a proteggere fisicamente lo smalto da graffi e urti, questa tipologia di top coat lavora anche sull’aspetto cromatico, mantenendo il colore intatto e brillante più a lungo. Un’ottima opzione soprattutto per l’estate, quando le mani sono esposte al sole con più frequenza.

Un’altra caratteristica distintiva del top coat di ultima generazione è la capacità di far asciugare più in fretta lo smalto: i top coat quick-drying sono amatissimi dalle tecniche perché accorciano i tempi del servizio e dalle clienti perché consentono loro, dopo soli 10-12 minuti, di avere le mani libere di muoversi e i piedi pronti per essere infilati in calze e scarpe, senza preoccuparsi che la pressione possa lasciare il segno sul colore appena steso. La capacità di asciugare più in fretta lo smalto dipende essenzialmente dalla formulazione del top coat: più velocemente questo penetra negli strati dello smalto, più velocemente farà evaporare i solventi che lo mantengono liquido, facendolo indurire in un batter d’occhio.

Dal punto di vista del finish, il top coat è usato in genere per amplificare la brillantezza naturale dello smalto. E se invece la cliente volesse provare un finish opaco? I top coat matte sono stati inventati proprio per questo. Perfetti per chi ama un’unghia dall’aspetto naturale - e per questo motivo molto usati nella manicure maschile -, associati al colore i top coat opachi creano effetti originali e di impatto, soprattutto con i colori scuri. Qualche esempio? La French con unghia matte e bordo libero lucido, o la French inversa con lunula lucida su unghia opaca.

Scambi di Ruoli: Si o NO?
Per evitare che l’unghia si scheggi e si rovini, l’onicotecnica non deve mai usare il top coat come sostituto del base coat. I due prodotti hanno funzioni diverse: come suggerisce il nome, il top coat è formulato per essere applicato sopra qualcosa, la base per essere applicata sotto qualcosa. L’ordine corretto è: base cost, smalto, top coat. Per prolungare la manicure puoi provare ad aggiungere uno step, ovvero stendere di nuovo il base coat dopo lo smalto e prima del top, creando così un'ulteriore pellicola bi-adesiva capace di far aderire meglio il top coat, per un finish ancora più duraturo e resistente.

Marzo 2017  


 Leggi gli altri articoli del Dossier: 

ABBONATI A NAILPRO

ABBONATI A NAILPRO

Nailpro arriva direttamente a casa tua o presso il tuo centro! Scopri la formula di abbonamento più adatta alle tue esigenze.

ABBONATI O REGALA NAILPRO